Cesare Pietroiusti. The “economy” of language

5116_foto_la_lingua_degli_affetti_1929
Veronica Billi and Chiara Prodi, IL MANIFESTO DELLA LINGUA, in “La lingua degli affetti e del desiderio”, seminario condotto da Cesare Pietroiusti al Raum di Bologna (2016)
For conceptual reasons related to the article’s issue, this paper it is proposed in two languages, Italian and English (Italian version below)

One of the crux of PIIGS An Alternative Geography of Curating project is certainly the debate; the tool of comparison between different point of view, different practices and curatorial education, different cultures and languages.
Through the on-line platform, TalkingPiigs, we attempt to create shared language and a code that, in the course of time, became the common field where to reflect on. During the meetings of November and through discussions, talks and projections this dialogue will carry on; it will materialize in a concrete form also through an exhibition that in a dialogical way will try to create a narrative between the different curatorial project presented by each of the five nations involved.
Therefore, since the beginning the reflection on the use of the language have had an important, I might say fundamental, role in the artistic discussion and during the planning process we were opening up; also because, as it often happens in those international context, the language we used was mostly English.
The variety and the complexity of each different language spoken in this group (English, Greek, Italian, Portuguese and Spanish) have been set aside in behalf of a fluid conversation and a shared and understandable thought. In this plurilinguistic context in which we worked we were confronted with an important question: how can we manage with the possibility of communicate with other people that do not speak the same mother language but at the same time do not lose the richness and the complexity of each mother language?

The last research of Cesare Pietroiusti (b. 1955 Rome) move forward this direction. The artist’s work is principally concerned with questioning ideas of art’s perceived worth, the logics of economy and consumption, as well as problematic and paradoxical situations that are hidden in common relationships and in ordinary acts (http://www.pensierinonfunzionali.net/) . Over the last period, through workshops, seminar and laboratory experiences[1] Pietroiusti is conducting a transversal research on the importance of the use of the mother language in international context, connected to the work and research environments and artistic fields. In those situations the domain of the Basic English’s[2] use risks to determinate a flattening and a simplification of the reflections and of the communication.
It comes from those experiences the attempt of a refined, aware and complex use of the different mother language, and the attention to the unlimited conceptual undertones that emerge during those workshops. Furthermore, an important aspect of Pietroiusti reflection about the issue of the languages is his double meaning; one refers to the muscle and sensitive organ and the other one to the communication system of a community, and the possibility to intertwine one with the other context.
Therefore the erotic-sensual field marks a common ground between the concept of language as an abstract system of communication of affection and desire and the anatomic organ, one of the most sensitive of our human body, full of strong symbolic representativeness, that often flows into a taboo. At this point, Pietroiusti proposal is to use as much as possible, in international context, words from everyone’s own mother tongue, “ especially when they express concepts that in the lingua franca are impossible to express”.
The challenge at this point is to understand in which way is possible to communicate in a plurilinguistic context without losing the deep essence of a concept, in other words without losing those undertones that make a thought complex. In regard to that, Walter Benjamin in Über die Sprache überhaupt und über die Sprache des Menschen writes: “The language communicates the linguistic being of things. The answer to the question “What does language communicate?” says Benjamin, is therefore “All language communicates itself”. Hence, if language express the being of the mother tongue is interesting to understand how maintain the same meaning even switch language.
Pietroiusti’s suggestion is, in fact, to pass trough those “portali-di-significato”, as we can call them, and to focus on the “transition” (“passaggi”) from a language to an other, from a way of thinking to an other: “According to me, it’s interesting to reflect on the transition itself, not necessarily on the undertones of significance, but on the idea that it might be possible to change a thought if expressed through the mother tongue, through a language that you know or one other that you don’t even know […] In the meanwhile of this transition, in this intermediate phase, we are not italophones nor anglophones nor francophones, we become a sort of plain thought, as Deleuze would say, a thought in becoming or a becoming of the thought, regardless its content. The content is instrumental”[3].

During the workshop in November for PIIGS, we will try to create an “antidote” for the thinking flattening caused by the use of Basic English, centralizing each language of the group of work and giving value, through lectures and improvisations, the meanings of particular terms or expression that have different semantic connotation for each language.

img_6522
Cesare Pietroiusti, photo by Fabio Valerio Tibollo

ITALIANO

Nel progetto PIIGS An Alternative Geography of Curating, uno dei nodi centrali è sicuramente il dialogo; il confronto tra diversi punti di vista, tra diverse pratiche, diverse formazioni curatoriali, diverse culture, diverse lingue. Attraverso la piattaforma on-line, TalkingPiigs, si è tentato di creare un linguaggio e un codice condiviso che, con il tempo, è andato a costituire il terreno comune su cui operare. Durante gli incontri di Novembre e attraverso discussioni, talk, workshop, proiezioni, il dialogo continuerà; si materializzerà in forma concreta attraverso una mostra discontinua che, in forma dialogica, tenterà di creare una narrazione tra i diversi progetti curatoriali presentati dalle cinque nazioni coinvolte.

Sin dal principio, dunque, la riflessione sull’utilizzo del linguaggio ha avuto un ruolo importante, direi quasi fondamentale nella discussione artistica e progettuale che stavamo intavolando; anche perché, come spesso succede in tali contesti internazionali, l’utilizzo della lingua per tali scambi intellettuali è stata perlopiù la lingua franca, ovvero l’inglese.
La varietà e la complessità delle diverse lingue parlate nel gruppo (Inglese, Greco, Italiano, Portoghese, Spagnolo) sono state dunque messe da parte per permettere il fluire della comunicazione e di un pensiero condiviso e compreso da tutti. Il contesto plurilinguistico in cui ci siamo trovati ad operare ci ha messo però di fronte ad una questione importante; ovvero, come mantenere la possibilità di comunicare con altre persone che non parlano la nostra lingua madre, senza perdere le sfumature, le ricchezze e la complessità della lingua d’origine?

In questa direzione si muovono le ultime ricerche di Cesare Pietroiusti (1955, Roma). Presente insieme al gruppo Oreste alla 48ª Biennale di Venezia e autore dei Pensieri non Funzionali (http://www.pensierinonfunzionali.net/), Pietroiusti  attraverso la sua ricerca mette in discussione l’idea precostituita dell’arte e del suo valore, le logiche dell’economia e dei consumi, ponendo l’attenzione su situazioni problematiche e paradossali della vita ordinaria. Negli ultimi tempi attraverso diverse esperienze seminariali e laboratoriali[4], Pietroiusti sta conducendo una ricerca trasversale sull’importanza dell’uso della propria lingua madre in contesti internazionali legati al lavoro, alla ricerca, alla comunicazione artistica, in una situazione in cui il dominio del Basic English[5] rischia di determinare un appiattimento e una semplificazione del pensiero, oltre che delle modalità comunicative.

Da qui deriva il tentativo di un utilizzo raffinato, consapevole e complesso delle diverse lingue madri e l’attenzione alle infinite sfumature di concetto e di significato che emergono durante i laboratori.
Inoltre, un importante aspetto che permea la riflessione di Pietroiusti sulla lingua è la sua duplice accezione; quella di sistema di comunicazione proprio di una comunità e quella di organo muscolare “tra i più sensibili del corpo umano”, carico di una forte rappresentatività simbolica che sfocia spesso nel tabù.  Nei seminari La lingua degli affetti e del desiderio, la sfera erotico-sensuale segna per l’artista, il punto d’incontro tra questi due concetti di lingua, che intrecciandosi, possono aprire interessanti spunti di riflessione e sperimentazione.
La proposta di Pietroiusti sarebbe dunque quella di usare il più possibile, in contesti internazionali, le parole della propria lingua-madre, soprattutto quando esprimono concetti che nella lingua franca “non si possono o non si sanno esprimere”. La sfida, a questo punto, è quella di capire in che modo poter continuare a comunicare in contesti plurilinguistici senza perdere l’essenza profonda del concetto che si intende esprimere, ovvero senza perdere quelle sfumature che rendono un pensiero complesso. E’ Walter Benjamin a scrivere, in Über die Sprache überhaupt und über die Sprache des Menschen,  “Il linguaggio comunica l’essenza linguistica delle cose. La sua manifestazione più chiara è la lingua stessa. La risposta alla domanda: cosa comunica la lingua? è quindi: Ogni lingua comunica se stessa. Per esempio, la lingua di questa lampada non comunica la lampada ma la lampada del linguaggio, della comunicazione, dell’espressione”[6]. E, se dunque il linguaggio esprime l’essenza della lingua (madre) è interessante capire come mantenere quest’essenza anche cambiando lingua.
Il suggerimento di Pietroiusti è quello attraversare quelli che potremmo chiamare “portali-di-significato” ponendo l’attenzione sul momento di “passaggio” da una lingua ad un’altra, da una modalità di pensiero all’altra: “Secondo me è interessante riflettere sul passaggio in sé, non necessariamente sulle sfumature di significato, ma sull’idea che si possa cambiare un pensiero rispetto alla formulazione di un concetto nella lingua-madre o in una lingua che si conosce o in un’altra che non si conosce […] Mentre si è nel passaggio, in questo stadio intermedio non si è né italofoni né anglofoni né francofoni, si diventa una specie di pensiero puro, come direbbe Deleuze, un pensiero in divenire o un divenire del pensiero, a prescindere dal contenuto. Il contenuto è strumentale; la cosa più importante è rendersi conto che si può cambiare modalità di pensare”[7].

Durante l’incontro seminariale di Novembre, si cercherà pertanto di creare degli “antidoti” rispetto all’appiattimento di pensiero causato dall’utilizzo del Basic English mettendo al centro il plurilinguismo offerto dal gruppo di lavoro, e valorizzando, attraverso letture e improvvisazioni i significati di particolari termini o espressioni che hanno connotazioni semantiche diverse nelle diverse lingue. Il workshop è rivolto al team curatoriale PIIGS ed è aperto ad un pubblico di osservatori.

Carolina Rossi

 

[1]  We can mention La lingua degli affetti e del desiderio a workshop with students of the Academy of Bologna, held by Cesare Pietroiusti at Raum in February 2016; where it had been explored pronunciation, lexical and phonetic field  connected with the expression of affection and desire. In that occasion at the end of the workshop, one of the final restitutions by the students was the “Manifesto della Lingua”. (http://www.xing.it/opera/861/la_lingua_degli_affetti_e_del_desiderio).

[2] Basic English is an English-based controlled language created by linguist and philosopher Charles Kay Ogden as an international auxiliary language, and as an aid for teaching English as a second language. Basic English is, in essence,  Basic English is, in essence, a simplified subset of regular English. It was presented in Ogden’s book Basic English: A General Introduction with Rules and Grammar (1930).

[3] Cesare Pietroiusti in “La lingua degli affetti e del desiderio”, Interview by Davide Ricco, in http://www.roots-routes.org.

[4] Citiamo in questa sede il seminario La lingua degli affetti e del desiderio (2016), condotto da Cesare Pietroiusti al Raum di Bologna insieme agli studenti dell’ Accademia di Belle Arti; in quell’ occasione sono stati esplorati, attraverso esperienze e momenti di sperimentazione, i campi dell’enunciazione, del lessico, della fonetica connessi all’espressione degli affetti e del desiderio, così come quelli delle particolarità delle funzioni della lingua come organo anatomico. A fine lavoro, uno dei contributi degli studenti è stata la redazione di un Manifesto della Lingua (http://www.xing.it/opera/861/la_lingua_degli_affetti_e_del_desiderio).

[5] Il Basic English  (British American Scientific International Commercial) è una lingua artificiale ottenuta dalla semplificazione della lingua inglese da parte di Charles Kay Ogden, descritta nel suo libro “Basic English: un’introduzione con regole e grammatica” (1930).

[6] Walter Benjamin, Über die Sprache überhaupt und über die Sprache des Menschen (1916), in Gesammelte Schriften vol. II-1, Suhrkamp, Frankfurt a.M. 1991, pp. 140- 157

[7] Cesare Pietroiusti in “La lingua degli affetti e del desiderio”, intervista di Davide Ricco, in http://www.roots-routes.org/.

3 thoughts on “Cesare Pietroiusti. The “economy” of language”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s